I have a dream…

Ho un sogno ambizioso e forse un po’ folle.

Ho in mente un progetto che ho già cominciato alla fine del 2018 e che vorrei realizzare entro il 2020:

riuscire ad andare a trovare le persone che sono tra i miei contatti Facebook e con cui ho stretto rapporti speciali per poterle abbracciare dal vivo (sia gli amici virtuali che non conosco sia gli amici che conosco ma che non vedo da tempo).

Vorrei viaggiare grazie al filo dei rapporti umani, delle amicizie create negli anni, che sono sparse in tutta Italia e nel mondo.

viaggiare-zaino-in-spalla-no-virtual-hugs

Il lato positivo dei social

Grazie a Facebook ho tenuto negli anni dei rapporti meravigliosi anche a distanza, grazie anche ai miei tanti spostamenti e traslochi in Italia e all’estero.

Il mio sogno è quello di andare oltre ai soli mezzi virtuali e riabbracciare dal vivo queste persone per riscoprire il piacere e l’importanza di un vero abbraccio.

Oltre ad essere un interessante progetto di viaggio che mi consentirà di vedere posti nuovi, questo sogno è parallelamente anche un grande messaggio sociale perché il calore umano dato da un vero abbraccio non può essere sostituito dalla tecnologia e sarebbe bello se almeno ogni tanto facessimo quel passo in più per uscire dalla nostra confort zone e andassimo a trovare personalmente le persone a cui teniamo.

Se è vero che i social come Facebook ci aiutano a mantenere vivi i rapporti con i nostri amici sparsi nel mondo, è anche vero che è importante poter coltivare le amicizie anche con un rapporto più diretto, dal vivo, almeno una volta ogni tanto.

viaggiare-zaino-in-spalla-hugs

Come è nata l’idea del progetto No Virtual Hugs

L’idea mi è venuta quando, improvvisamente, mi sono resa conto che non vedevo da anni una carissima amica con cui ho convissuto per un anno e che tuttora considero come una sorella. Ho deciso quindi che era giunta l’ora di andare oltre ai limiti dati dal virtuale e superare queste distanze, anche grazie all’aiuto di uno “zaino in spalla”.

Ho cominciato così a stilare una lista di persone che volevo rivedere e a tracciare un percorso sulla mappa per realizzare questo folle progetto.

Nell’autunno del 2018 ho cominciato questo viaggio partendo dalla mia terra, la Sardegna. Ho rincontrato persone che non vedevo da anni come le mie care amiche Anna e Claudia che non vedevo da 2 anni e la mia amica Silvia, conosciuta 5 anni fa durante un corso di inglese, con cui sono sempre rimasta in contatto ma che non avevo più visto. Dopo anni eccoci finalmente insieme.

A Gennaio ho rivisto poi, dopo più di 30 anni, le mie carissime michette delle elementari con cui ho trascorso una bellissima serata all’insegna dei ricordi, delle risate, dei pianti e degli abbracci. Queste sono le grandi emozioni che cercavo con il progetto NoVirtualHugs. Sono molto felice di aver cominciato questo viaggio e ora mi preparo per andare a trovare finalmente la mia “sorellina” per cui questo progetto è nato e conoscere finalmente il suo bellissimo bambino.

Come potete aiutarmi

Sto cercando di creare un percorso di viaggio in base ai luoghi di residenza dei miei contatti Facebook, regione per regione fino a varcare i confini del Bel Paese e girare il globo. Non sarà un percorso continuativo perché cercherò di realizzarlo nei periodi liberi e man mano che conservo le risorse per gli spostamenti, ma sarà certamente un viaggio all’insegna dell’amicizia e spero di portarlo avanti fino alla fine anche con le amicizie che sono oltre oceano.

In questo bel progetto siete voi i protagonisti. Se avete voglia di un abbraccio e avete un divano libero sappiate che sarò felicissima di passare a trovarvi, ma senza trattenermi troppo perché nel mio paese si dice che “gli ospiti sono come il pesce, dopo tre giorni cominciano a puzzare“. 😅

viaggiare-zaino-in-spalla-free-hugs

Farò man mano un resoconto di dove andrò di volta in volta e se avete voglia di sostenere i miei passi con un letto o un piatto di pasta sarà il dono più bello che potrete farmi.

Naturalmente il mio abbraccio lo avrete a prescindere dal fatto che possiate ospitarmi o meno.

Ad ogni modo se vorrete anche solo seguire questo mio progetto potete farlo sia qui sul blog che sulla mia pagina Facebook con l’hashtag #novirtualhugs.

Documentando questo viaggio avrò modo di rendere il progetto “no  virtual hugs” ancora più forte quindi grazie se mi seguirete e condividerete questo messaggio di speranza, perché l’amicizia è un bene prezioso in via di estinzione che va tutelato.

La vostra testimonianza

Se vorrete testimoniarmi la vostra esperienza di viaggio all’insegna di una rimpatriata con amici lontani che non vedete da tempo potete farlo su Instagram usando anche voi  l’hashtag #novirtualhugs. Vi aspetto!

Buon cammino di amicizia a tutti!

Sylvié