Danimarca, concerto di Natale nella residenza dell’ambasciatore Italiano

da Viaggiare Zaino in Spalla
0 commento

C’è un piccolo angolo d’Italia in Danimarca, fatto di calore, accoglienza e condivisione che ti fa sentire come a casa, nonostante i duemila km di distanza.

Si tratta di una villa settecentesca che conserva al suo interno sprazzi di storia danese e italiana, tra antiche carte da parati e stucchi veneziani. Ha ampie stanze, enormi porte intagliate, divani in velluto, innumerevoli candelabri. La sua ubicazione è nel cuore della capitale danese, proprio a due passi dalla residenza reale danese di Amalienborg.

Qui l’ambasciatore Stefano Queirolo Palmas ci ha accolti, nella sua residenza, in occasione dell’annuale concerto di Natale.

Tra gli invitati persone illustri, amici e rappresentanze varie tra cui la neo Associazione Culturale dei Sardi in Danimarca “Incantos“, con presidente Olimpia Grussu, il giornale italodanese “Il Ponte” con la caporedattrice Grazia Mirabelli e L’associazione Culturale Dante Alighieri.

Ospiti d’onore naturalmente l’italiano Stefano Olcese con la sua incredibile voce, la pianista svedese Elena Jordan Ljungqvist e il violinista svedese Anders Hjortvall,che ci hanno intrattenuto con le loro emozionanti performance musicali.

Tra le note di Vivaldi, Paganini e Verdi, per citarne qualcuna, l’applauso incessante del pubblico. A far da sfondo, tra voci basse, sviolinate e battute intense, un bellissimo albero di natale, candele e scintillii, che hanno reso l’atmosfera davvero “Hygge“.

Una serata emozionante, finita in bellezza con spumante e panettone, sapori tipici del Natale Italiano.

Un grazie di cuore all’ambasciatore e a chi ha reso possibile questo bellissimo evento.

Sylvié

viaggiare-zaino-in-spalla-natale-in-ambasciata

 

 

You may also like

0 commento

Pinuccia Panzeri 16 Dicembre, 2017 - 6:50 am

c’era anche la Societa Dante Alighieri rappresentato dalla presidente Pinuccia Panzeri

Rispondi
smcrazytravel 18 Dicembre, 2017 - 7:15 pm

Grazie per l’informazione, siamo lieti che abbia scritto. Certo è doveroso ricordare ogni ente o associazione che ha permesso questo meraviglioso evento. Ci scusiamo per non averlo fatto, non ne eravamo al corrente.

Rispondi

Lascia un commento