Quando anni fa partii per l’Irlanda, una terra che consideravo magica e speciale, fui subito conquistata dal calore della sua gente e dalle tradizioni molto simili a quelle della mia terra, la Sardegna.
Le tante credenze popolari e le leggende sul mondo fatato radicate negli usi e costumi, ebbero da subito un’aria familiare. Forse anche per questo mi sentii subito come a casa.
Tra le tante cose che mi capitarono ci fu l’incredibile incontro con un famoso folletto irlandese, il ciabattino, conosciuto come il Leprechaun.

L’incontro con il piccolo popolo

Un pomeriggio, nei pressi della contea di Cork, mentre camminavo, trovai in terra un piccolo ciondolo d’oro a forma di scarpetta, quella evidentemente del noto folletto indisponente: una bizzarra casualità che mi diede modo di conoscere le ire dei leggendari personaggi delle fiabe Irlandesi e tutti i retroscena delle loro assurde marachelle.

Appena trovata la scarpetta, infatti, ignara di ciò che significava portar via quell’oggetto così prezioso, cominciò a succedermi di tutto. Un disguido dopo l’altro. Fatti inspiegabili, incidenti, ritardi, così improvvisi e inspiegabili da farmi allarmare e riflettere sulle cause. Mi resi conto che tutto era iniziato proprio con il ritrovamento di quel cimelio.

Un po’ per scaramanzia, un po’ per intuizione, decisi quindi di restituire il ciondolo alla terra irlandese. Lanciai con forza l’oggetto alle mie spalle e questo finì dietro una siepe. Da quel preciso momento, giuro, i miei guai finirono all’istante e il viaggio proseguì a gonfie vele. Certo, una incredibile coincidenza, ma mi piace pensare che l’isola di smeraldo un pò di magia la conservi davvero.

Quando tornai in Italia decisi di fare delle ricerche e trovai proprio la leggenda irlandese che narrava di un folletto calzolaio, il Leprechaun.

Lessi del folletto ciabattino e capii subito di aver avuto un incontro molto ravvicinato con gli esseri che popolano la terra di mezzo.

La leggenda

leprechaun“Il Leprechaun è uno tra i più famosi folletti che abitano la terra d’Irlanda. Conosciuto anche come Leith Bhrogan (ovvero il ciabattino di una sola scarpa) è un ciabattino molto dispettoso. Quando non lavora si dedica infatti a fare scherzi e si burla soprattutto degli avari e dei ladri, preparando trappole geniali per questi malcapitati. Per questo motivo molti lasciano, a portata di mano, sul davanzale della finestra, un bicchiere di latte in modo da distrarlo e farselo amico. I Leprechauns vivono in solitudine e custodiscono una pentola piena di monete d’oro nascosta alla base dell’arcobaleno”.

Folklore Irlandese

La tradizione ha reso questo folletto l’emblema del St. Patrick’s Day e durante la sfilata di commemorazione la sua maschera apre il corteo, come simbolo di buon auspicio.

Il suo ritratto è presente anche in tutti i negozi di souvenir.

Questa affascinante esperienza, oltre ad accrescere la mia già grande passione per il folklore irlandese, mi ha dato modo di approfondire e conoscere anche usanze antichissime molto simili a quelle della mia terra. Ad esempio in Sardegna per ingraziarsi le entità del mondo parallelo, soprattutto nella notte degli spiriti, si usava proprio mettere del latte o del cibo sul tavolo, apposta per loro.

Sylvié