Ci sono momenti che, vuoi o non vuoi, ti devi fermare. Lo richiede la tua vita, il tuo corpo, il tuo destino. Non sempre i cammini sono in movimento

Cammini esistenziali

Non sempre i cammini sono da fare in una strada che porta chissà dove o in un sentiero che si addentra nel fitto bosco, lontani dal mondo e dalla quotidianità. Qualche volta capita che i nostri cammini siano da percorrere proprio nel punto esatto in cui ci troviamo. Nelle lotte giornaliere.

Capita anche che, qualche volta, il nostro cammino si trasformi in un percorso di lotta per la sopravvivenza, per la salute, per migliorare la condizione della nostra vita. Sono cammini esistenziali, interiori, e sono spesso anche i cammini più difficili e importanti.

Ci mettono alla prova, ci forgiano, ci fanno capire il perché continuiamo ad andare avanti nonostante tutto. Ci aiutano a dare maggior valore della nostra vita.

viaggiare-zaino-in-spalla-vista-del-monte-is-cannoneris

Trovare la forza

In questi momenti difficili dobbiamo ripensare a tutti i cammini che abbiamo fatto nella nostra vita, che siano tra le montagne o che siano nella quotidianità mentre abbiamo superato difficoltà che credevamo insormontabili.

Si, ce la possiamo fare. Ancora una volta. Nonostante tutto.

Nonostante la stanchezza, le notti insonni, i dolori, la sofferenza. Nonostante ci manchi la terra sotto i piedi e pensiamo di non trovare appiglio.

Sappiamo, in fondo al mostro cuore, di essere delle guerriere. Ci siamo sempre conquistate con fatica il nostro posto nel mondo. Qualche volta anche il nostro piccolo angolo di paradiso.

La vita è sempre lì, pronta a sfidaci per dimostrarci che ce la possiamo fare, che possiamo essere persone migliori, che possiamo realizzare ciò per cui lottiamo se ci crediamo davvero.

Stringi i denti. Tieni duro.

Percorri i sentieri di questo nuovo cammino senza indietreggiare.

Nei tuoi occhi c’è un orizzonte pieni di speranza.

Impara ad amarti e riconoscerai il tuo cammino.

Buona vita!

 

Sylvié